Questo sito utilizza Cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione e/o cliccando il tasto "Chiudi" se ne accetta l'utilizzo.

 

I contributi

Consulenti del Lavoro

  1. contributo per l’iscrizione (una tantum) € 51,65
  2. contributo annuo € 535,00 di cui € 190,00 di competenza al C.N.O.
  3. contributo per il rilascio di certificati e attestazioni € 11,00 ciascuno.

 

 

Praticanti:

Contributo di iscrizione nel Registro pari ad € 250,00 comprendente:  

1.  la quota di iscrizione per i diciotto mesi
2.  il contributo una tantum
3.  i diritti di segreteria per il certificato di compiuta pratica

 

Certificati:

Documenti di competenza ecc. dovranno essere richiesti in carta legale da € 16,00 allegando una marca da bollo di € 16,00 e versando inoltre il contributo di € 11,00.

 

Domande di cancellazione:

Devono essere redatte in carta bollata da € 16,00 ed avranno effetto dalla data della delibera consiliare.

 

IL CONTRIBUTO ANNUO DEVE ESSERE VERSATO PER L'INTERO ANNO E NON E' FRAZIONABILE.

 

Pareri liquidazione parcelle:

(Art. 14 lettera “d” Legge n. 12 dell’11.1.1979)
Ogni domanda deve essere redatta in carta legale allegando una marca da bollo da € 14,62 e tre copie specifica parcella, dettagliata in ogni singola voce.
I diritti di segreteria sono fissati come segue:
per importi fino a € 2.582,28 il 2%
per importi da € 2.582,28 a € 7.746,85 l’ 1%
per importi da € 7.746,85 a € 15.493,71 lo 0,5%
per importi da € 15.493,71 in poi lo 0,3%
Si precisa che l’importo minimo del diritto di segreteria da versare è pari a € 15,49.
La somma, da versare sul c/c postale n. 15734312 intestato a Ordine Consulenti del Lavoro Provincia Treviso – Viale Orleans, 22 – 31100 Treviso, va calcolata sull’imponibile delle fatture/parcelle al netto del C.I. del 2% e dell’IVA e può essere addebitata al cliente.

 

Intestazione per l’esercizio professionale:

Le uniche dizioni che si possono usare sulla carta intestata, targhe, rubrica telefonica ecc. sono quelle di “Consulente del Lavoro” o “Studio di Assistenza e Consulenza del Lavoro” precedute dal proprio nome e cognome.

 
EVENTUALE ATTIVITÀ IN FORMA ASSOCIATA FRA PROFESSIONISTI DEVE ESSERE DENUNCIATA ALL’ORDINE